Colosso di San Carlo Borromeo | La Veneranda Biblioteca Ambrosiana
La Veneranda Biblioteca Ambrosiana è stata fondata nel 1607 dal cardinale Federico Borromeo “per un servizio universale”. Nel 1604 l’arcivescovo Federico Borromeo aveva presentato a papa Clemente VIII il suo primo progetto di fondare a Milano una grande biblioteca pubblica.
La Veneranda Biblioteca Ambrosiana, fondazione dell’Ambrosiana, Pinacoteca, biblioteca pubblica Milano, Accademia di Belle Arti, Chiesa dedicata a San Carlo Borromeo, Colosso San Carlo, colle di Arona,
15796
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-15796,qode-quick-links-1.0,ajax_updown_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1200,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-12.0,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.2,vc_responsive
Veneranda Biblioteca Ambrosiana

Veneranda Biblioteca Ambrosiana

Biblioteca Ambrosiana, Sala Federiciana

La Veneranda Biblioteca Ambrosiana è stata fondata nel 1607 dal cardinale Federico Borromeo “per un servizio universale. Queste parole, secondo l’Atto di fondazione dell’Ambrosiana, riassumono lo spirito del suo fondatore, confermato nel Breve papale dell’anno 1608. Nel 1604 l’arcivescovo Federico Borromeo aveva presentato a papa Clemente VIII il suo primo progetto di fondare a Milano una grande biblioteca pubblica. L’amore per i libri gli era stato instillato quando, in giovane età, aveva sperimentato a Roma l’importanza fondamentale della scienza e dell’arte, per una nuova evangelizzazione mediante il dialogo e lo studio della cultura moderna.

Fu concepita dal fondatore come un centro di studio e di cultura: volle infatti che vi fiorissero a lato altre istituzioni come il Collegio dei Dottori, l’Accademia di Belle Arti e la Pinacoteca.

Il cardinale raccolse per la sua Biblioteca, che dal santo protettore di Milano chiamò Ambrosiana, un largo numero di codici greci, latini, volgari e nelle diverse lingue orientali. Per la vastità delle raccolte e per il numero e il pregio dei codici, l’Ambrosiana è indubbiamente una delle prime biblioteche italiane e del mondo. Ebbe illustri bibliotecari quali lo storico milanese Giuseppe Ripamonti, Ludovico Antonio Muratori, Giuseppe Antonio Sassi, il cardinale Angelo Mai, Antonio Maria Mercati e Achille Ratti divenuto pontefice con il nome di Pio XI.

La storica istituzione milanese dal 1624, per volere dello stesso cardinale Federico, gestisce il complesso sul colle di Arona, costituito dal Colosso e dalla Chiesa dedicata a San Carlo Borromeo.